Agli amici del 5 Stelle.Autodeterminazione per Ariccia.

Agli amici del 5 Stelle. Autodeterminazione per Ariccia. Le scelte le deve fare l’elettore. Meglio se residente

Sottotitolo: La tenzone in casa PD è tenuta alta  speculazioni filosofiche e smentite.

Macro considerazioni. Cenni di storia.

Abbiamo sotto gli occhi di tutti cosa è avvenuto con gli ultimi tre governi non eletti da nessuno. La deposizione – come in una Monarchia – di un presidente del Consiglio, criticabile sotto moltissimi aspetti, anche quelli relativi al profilo costituzionale di leggi emanate sotto il suo governo, ma che comunque aveva passato il vaglio dell’elettorato Italiano.

Un presidente criticabile dunque, ma che aveva iniziato a stringere relazioni con importanti capi di stato, i quali sarebbero stati fatti oggetto di attacco, ( Gheddafi) per mezzo di bombardamenti, e successivamente con campagne mediatiche di denigrazione.( Il Colonnello V.V.Putin)

Un presidente che in qualche modo si era opposto allo strapotere Europeo, e della Germania a discapito” dei terroni” dell’Europa del Sud.

Oggi constatiamo insieme agli amici del 5 stelle, le politiche distruttive messe in atto dallo strapotere delle oligarchie finanziare – che hanno un nome e cognome – e dalle elites stegocratiche Europee, per mezzo di politici completamente asserviti, – sul modello Tsipras –  per le quali il passaggio democratico delle consultazioni elettorali, è un fastidioso prurito.

Ora questa situazione ha patentemente una paternità, da ricondurre alle politiche progressiste, di globalizzazione e di deflazione, dovute al totale appiattimento a voleri decisi altrove. “Ce lo chiede l’Europa“. Gli Italiani ed i Ricciaroli non hanno capito il perchè.

Micro Considerazioni locali. “Draghi un vile affarista.”

Ieri parlando con un politico navigato, che ha anche riscosso successo alla Riccia, alla mia domanda ” ma di chi è la BCE?”

“E’ della Merkel” mi ha risposto. Ed io gli ho replicato, “ma tu non sai che si tratta di una istituzione a partecipazione privata che mette anche il simbolo del copyright sulla cartamoneta?” “no.” mi ha risposto.

E allora incalzando ” non sai che detiene i crediti emessi per i titoli di stato Italiani è posseduta da gruppi bancario- finanziari internazionali”? Domanda inutile, direbbe Lucio battisti.

Qui la situazione nel 2011.

 

E quindi con chi lo facciamo il fatidico “innalzamento dell’asticella della politica?” con il PD?

Ecco allora se si parla di “innalzamento dell’asticella politica” per aumentare di livello, allora non possiamo non partire, da considerazioni di base anche a carattere locale.

salto_asta1Lo faremo cercando in quale ambito si muove una democrazia a tratti posticcia, condizionata dalla sua sovranità limitata, che di fatto è  controllata da un complesso sistema finanziario, da una banca centrale che con un ON/OFF  può smettere di acquistare titoli di stato. La BCE infatti  acquista nostri titoli, e ci da in cambio cartamoneta, detto in maniera semplicistica, con i quali facciamo funzionare l’Italia.

Uno dei principali detentori del debito pubblico italiano – la deutsche Bank -nel 2011 fece questo gesto di spengere l’interruttore. Non solo si misero sul mercato titoli di stato Italiani facendo collassare il loro tasso differenziale, ci fu anche un attacco ai titoli Mediaset da insospettabili cordate bancarie, con il titolo che vacillò pesantemente,e che furono propedeutiche alla   defenestrazione di Berlusconi, ingenerata da una situazione creata a tavolino, un abnorme crescita dello “spread“, dovuta proprio alla emorragia di vendite dei titoli di stato Italiani.

Similitudini operazionali. I sistemi sono gli stessi.

Una situazione creata ad arte dunque, pianificata a tavolino,  come nel caso della speculazione della Lira, effettuata da George Soros, nel quale la nostra vecchia e amata moneta sovrana in tre giorni perse il trenta percento.

Conclusioni. Logiche. Speriamo.

La paternità di questa situazione di degrado e mortificazione della popolazione è patentemente collegata alle politiche di totale asservimento ed appiattimento ai voleri “Europei”.Voleri che abbiamo visto in azione in Grecia. ” Il più grande successo dell’euro” sentenziò il Sen. Monti.

Il padre di queste disgrazie – è sotto gli occhi di tutti –  è il Partito Democratico, ed il suo totale appiattimento consenziente a politiche decise altrove – come nel caso del TTIP – da poteri “forti”,  con la complicità di una larga  parte delle “sinistre alternative”, e di un Presidente poco ligio alla Costituzione, vero regista del golpe soft, ovvero della defenestrazione di un Primo ministro uscito dalle urne..

Auspici per La Riccia.

Per quanto riguarda Ariccia, con le incombenti consultazioni elettorali, il movimento 5 stelle ha una sua ottima  lista, e speriamo, che il confronto cittadino, e su come risollevare Ariccia da un amolteplicità di criticità, prima fra tutti il consumo del territorio, del quale tanto si è parlato nella querelle del siluramento dell’ex Sindaco,  debba essere fatto tra le uniche forze che vogliono esprimere un cambiamento.

Sia quelle rinnovatrici e giovani del 5 stelle.

E sia quelle di liste locali autodeteminate e radicate,che rivendicano che le decisioni, e le politiche da mettere in atto siano quelle che vengono dal basso, e dalla loro autodeterminazione, senza imposizioni sovraterritoriali.” le decisioni di Ariccia che le prendano gli Ariccini” ha affermato ieri sera a margine di una riunione affollatissima presso un locale ad Ariccia, il candidato di queste liste radicate Roberto di felice

La chiave e la sfida si chiama autodeterminazione. Lo strumento referendario. La consultazione popolare. Le decisioni le deve prendere un elettorato, non altri.

olioTutta roba che al PD da fastidio perche vogliono che a decidere sulla eliminazione di dazi per olio d’oliva proveniente dal nordafrica siano i consumatori di ossigeno abusivi a Bruxelles.

Se invece al ricciarolo piace Von Masoch, e si vuole fare una restaurazione dello status quo allora invitiamo l’elettorato a Ri- Votare PD e Sinistra, che ha condotto il paese nello stato che tutti possono osservare affacciandosi alla finestra.

L’auspicio per queste amministrative di Giugno, è che i nostri amici del 5 stelle si possano confrontare con le liste civiche, vera forza di autodeterminazione dal basso.

Viceversa nel caso di un infausto ballottaggio che non li veda coinvolti, abbiano le giuste diottrie, e sappiano che  le tematiche dei programmi potrebbero coincidere conquelle delle liste autodeterminate civicamente, e sappiano riconoscere da quale parte sta il cambiamento per Ariccia.

Uno zappatore autentico.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...