Ancora sul meticciato imposto dalle elites.

Ancora sul meticciato imposto dalle elites. Il diabolico piano Kalergi. E le sue armi.

Richard Coudenhove-Kalergi era il secondo figlio di Heinrich Coudenhove-Kalergi (1859-1906), un conte e diplomatico di origine europea mista austro-ungarico, e Mitsuko Aoyama (1874-1941).

Coudenhove-Kalergi passò la sua adolescenza in proprietà di famiglia in Boemia Ronsperg, noto oggi come Pobovice.
Suo padre ( parlava 16 lingue) ha personalmente insegnato ai suoi due figli il russo e l’ ungherese e lo ha temperato sia fisicamente che moralmente.
Li  conduceva  a lunghe passeggiate con qualsiasi tempo, li faceva dormire su pagliericci e prendere docce fredde, e insegnò loro a sparare così bene che nessuno avrebbe mai osato sfidarli.
Poi li portò a Messa ogni Domenica.

Durante una di queste messe di Venerdì Santo, come la liturgia è arrivata all’esortazione “Oremus et pro perfidis Judaeis” (“Preghiamo anche per gli ebrei infedeli” traduz. “perfidi”), il vecchio conte di colpo si alzò e andò fuori dalla chiesa in segno di protesta contro questa espressione presunta di antisemitismo.

(Vedere Whittaker Chambers, loc. Cit.)

La storia di un libro intero, stampato solo in spagnolo e fatto sequestrare dappertutto. Ma siamo in democrazia, pertanto lo scrittore si è fatto 15 anni

“Il 14 Aprile del 2003 nell’Hofburg Viennese si incontrarono l’ex cancelliere tedesco Helmut Kohl – portatore dell’ordine di Kalergi e Otto di Asburgo, per celebrare insieme l’ottantesimo anniversario del ” Movimento Paneuropa” fondato da Richard Kalergi *. Quello che Kalergi dispose in questo movimento Paneuropa, lo potrete leggere in questo libro, oppure semplicemente continuando a guardare dalla finestra

* fonte diario ” kronenzeitung” del 15 Aprile 2003

“Addio, Europa. Il Piano Kalergi. Un razzismo legalizzato. Le 28 tesi per distruggere il nostro popolo”.

 

22.jpg
Inserisci una didascalia

7 Quarto: uno dei peccati capitali dell’umanità civilizzata è la perdita di tradizioni. Però questa verità. non deve essere diffusa, perchè giustamente la distruzione delle culture europee, soprattutto la pittura, la poesia, e la musica tedesca, formano la base per imporrè all’umanità il giogo del sistema monetario usuraio. Tutti i progetti culturali della CIA, in Europa,come l’invenzione dell’arte moderna, sono minacciati da questa verità.

 

Gerd Honsik
Adios Europa
Carta 5° pag. 55

 IL PIANO KALERGI E I CATTOCOMUNISTI. La loggia  B’nai Brith

Che tristezza l’Italia e che pecoroni gli italiani.


Nel 1925 il conte Richard Nikolaus di Coudenhove-Kalergi (1894 – 1972), fondatore dell’Unione Paneuropea, le cui dodici stelle altro non rappresentano che le 12 tribu di Israele.Le ha pensate e disegnate un Israelitico.  Paul MG Lévy che si sente di consigliare di inserire le stelle. La PAN europa, da cui è nata l’Unione Europea, nel suo libro «Praktischer Idealismus» (Idealismo pratico), scrisse che gli abitanti dei futuri “Stati Uniti d’Europa non saranno i popoli originali del Vecchio continente, bensì una sorta di subumanità resa bestiale dalla mescolanza razziale (…) È necessario incrociare i popoli europei con razze asiatiche e di colore, per creare un gregge multietnico senza qualità e facilmente dominabile dall’elite al potere. L’uomo del futuro sarà di sangue misto. La razza futura eurasiatica-negroide, estremamente simile agli antichi egiziani, sostituirà la molteplicità dei popoli, con una molteplicità di personalità”.
In Italia il cardinale Angelo Scola teorizza da anni la bontà del “meticciato culturale”, concetto caro all’ex ministro dell’Integrazione Cécile Kyenge. Ebbene a noi italiani che non ci rassegniamo ad avere culle vuote e frontiere spalancate, che non rinunciamo alle nostre radici, fede, identità, valori e civiltà, non ci rimane che rimboccarci le maniche per riscattarci da questa diabolica strategia di annientamento etnico e culturale e salvaguardare il nostro diritto ad essere pienamente noi stessi a casa nostra. Potrei rafforzare con un copia incolla da Platone. …quando il cittadino accetta che, di dovunque venga, chiunque gli capiti in casa possa acquistarvi gli stessi diritti di chi l’ha costruita e c’è nato; quando i capi tollerano tutto questo per guadagnare voti e consensi in nome di una libertà che divora e corrompe ogni regola ed ordine, c’è da meravigliarsi che l’arbitrio si estenda a tutto, e che dappertutto nasca l’anarchia e penetri nelle dimore private e perfino nelle stalle? …
Così muore la democrazia: per abuso di se stessa. E prima che nel sangue, nel ridicolo.»

“L’ordine di Bnai Brith-è un ordine della Massoneria internazionale riservato esclusivamente per gli Israelitici…

La loggia massonica “E ‘stata fondata a New York nel 1813, ma attualmente la sua sede è a Chicago. Divide il mondo in 11 distretti di cui 7 negli Stati Uniti. Il numero delle logge che comppongono la sua fratellanza è di circa 500, con quasi un centinaio di migliaia di seguaci.

“I quattro membri del suo comitato esecutivo che non vivono negli Stati Uniti sono, rispettivamente, a Berlino, Vienna, Bucarest e Costantinopoli”.

(La Massoneria e l’ebraismo: Il segreto Potenze Dietro le Rivoluzioni, Vicomte Leon De Poncins, 1929, p 215)

Il Santo Wojtila incontra alcuni membri della loggia massonica
(Sotto, “Giovanni Paolo II” della loggia ebraica B’nai B’rith, 1984) Estratto Henryk Pajak, intitolato: Cancro Vaticano, Retro, Lublin 2005, pp 252-276, ISBN 83-87510-51-3..

12038574_102687816754360_7900574057282772128_o.jpg

Quasi inosservato dal mondo cristiano, ancora sconosciuto a centinaia di milioni di cattolici, Papa Giovanni Paolo II incontra l’ermetico dell’ermetico, loggia massonica B’nai B’rith in Vaticano nel suo discorso in questo incontro e relativo elogio pomposo era il 22 mar 1984.

Spunti bibliografici per chi ha voglia di leggere, oltre la repubblica, Il Manifesto, Il fatto Quotidiano, Il Corriere della Sera e Umberto Eco. Oltre che ascoltare i TG del MINCULPOP Renziano.

Bibliografia di Kalergi.

Adel (1922)
Ethik und Hyperethik (1922)
Pan-Europa (1923)
Krise der Weltanschauung (1923)
Pazifismus (1924)
Deutschlands Europaische Sendung. Ein Gesprach (1924)
Praktischer Idealismus (1925)
Kampf um Paneuropa (3 Volumes, 1925-28)
Held oder Heiliger (1927)
Stalin & Co. (1931)
Gebote des Lebens (1931)
Las vom Materialismus! (1931)
La lutte pour l’Europe (1931)
Revolution durch Technik (1932)
Gegen die Phrase vom judischen Schudling (1933, co-authored with Heinrich Mann, Arthur Holitscher, Lion Feuchtwanger, and Max Brod)
Europa erwacht! (1934)
Judenhau von heute: Graf H. Coudenhofe-Kalergi. Das Wesen des Antisemitismus (1935)
Europa ohne Elend: Ausgewuhlte Reden (1936)
Judenhau! (1937)
Totaler Staat – totaler Mensch (1937)
The Totalitarian State Against Man, with an introduction by Wickham Stead, translated by Sir Andrew Mc Fadyean (1939)
Europe Must Unite, translated by Sir Andrew Mc Fadyean (1939)
Die europaische Mission der Frau (1940)
Kampf um Europa (1949)
Ida Roland: In Memoriam (1951)
Die Europaische Nation (1953)
Der Gentleman (1953)
An Idea Conquers the World, with a preface by Winston S. Churchill (1953)
Vom Ewigen Krieg zum Grosen Frieden (1956)
Eine Idee erobert Europa (1958)
From War to Peace (1959)
Weltmacht Europa (1971)

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...