Un Ladro è un ladro. I radical chic lo ammettano.

Un ladro è un ladro, e a casa di un cittadino entra vìolando la legge, con un atto ostile, a volte anche sanguinoso, come la cronaca ci racconta.

firma

Ariccia: Raccolta firme per referendum su “legittima difesa”.
Moduli pronti per firmare presso l’ufficio elettorate di Ariccia, (dove c’è anche l’anagrafe)
Chi vuole vada a firmare.
 

Roberto Di Felice 1: IDV di Ariccia niente.

Colgo l’ occasione per ringraziare pubblicamente Paola che si é prodigata nella stampa dei moduli stessi e nell’ adottare le pratiche di rito per rendere la cosa ufficiale. E’ iniziata la raccolta di firme per questo referendum proposto su scala nazionale da IDV.
Ora attendiamo che qualche solerte dirigente allevi la fatica dell’ ufficio elettorale, magari permettendo la raccolta di firme anche presso altri uffici comunali ritenuti idonei allo scopo, e cosa importante faccia pubblicare in bella vista sul sito istituzionale invece che la pubblicità di giornali online compiacenti, anche questo importante evento, che ripetiamo parte dal popolo.
Ai Ricciaroli dico andate a firmare, se volete come ho fatto io, secondo firmatario ad Ariccia.
Non é possibile che un cittadino debba subire il grave danno di un furto da parte di un ladro e poi doversi trovare praticamente senza difese, con gli organi deputati alla deterrenza senza benzina nelle auto, e con infrastrutture e mezzi risalenti agli anni 70, e ritrovarsi presunto colpevole in tribunale magari per avere difeso l’incolumitá propria e di quella della propria famiglia, come quella dei propri cari.
Ricordando, ai radical chic, dei quali purtoppo siamo pieni zeppi,  ed a chi ci legge che stiamo parlando di ladri, rapinatori, predoni, borsaioli, mariuoli, malfattori, furfanti,disonesti, profittatori, malviventi malavitosi matricolati che vengono a delinquere in Italia perché sanno bene che qui non c’è legge che li ferma, e che se li fermano il giorno dopo ricominciano le loro attività criminose.
Un ladro è un ladro, e a casa di un cittadino entra vìolando la legge, con un atto ostile, a volte anche sanguinoso, come la cronaca ci racconta.
Incrementare le pene per costoro sembra il minimo da fare.
Potersi difendere senza incappare in ritorsioni alle quali la cronaca ci ha abituato anche.
Sanno bene anche che che c’é sempre qualche paladino dei diritti del “volemose bbene” – seduto in qualche consiglio di amministrazione, come in qualche ente pubblico, al minimo sindacale di quattromila euro al mese – che li difende.
Dunque a costoro si può dire, andate a farvi raccontare cosa succede per rieducare chi viene incarcerato per reati contro il patrimonio nei paesi dell’ est, da dove proviene la feccia della feccia che ha infestato con la microdelinquenza le nostre città.
Nota di rilievo: IDV di Ariccia se ci sei batti un colpo
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...