I migranti Rivolta nel Sud Italia, scassano un centro di accoglienza.

I migranti Rivolta nel Sud Italia, scassano un centro di accoglienza.

migrants-revolt-640x480.png

Circa 300 giovani migranti hanno preso il controllo del centro di accoglienza di rifugiati dove erano ospiti nel sud Italia il Lunedi, si sono barricati dentro per otto ore dagli accumulando mobili contro l’ingresso dell’edificio fino a quando una serie di richieste sarebbe stata  soddisfatta.

I migranti hanno emesso un elenco di richieste , tra le quali migliori condizioni di vita e la capacità di comunicare con le loro famiglie nei loro paesi d’origine. Il vero punto di disaccordo, tuttavia, è la loro richiesta di essere spostati altrove, in particolare in Germania o in altri paesi del nord Europa.

Il centro di accoglienza si trova nella vecchia sede della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi del Mediterraneo nella regione italiana di Reggio Calabria.

La polizia in tenuta antisommossa, così come i membri del Corpo forestale dello Stato, riuniti attorno al centro di accoglienza in un tentativo di dialogo con i migranti. I funzionari del Ufficio Immigrazione regionale sono stati anche sulla scena, cercando di calmare la gente.

I migranti infine ceduto il controllo del centro nel pomeriggio di Lunedi.

Per quanto riguarda le loro condizioni di vita attuali, i migranti stanno sostenendo che hanno poco cibo, senza acqua calda, abbigliamento insufficienti, shampoo e sapone per lavarsi, e che sono costretti a dormire su lettini o direttamente sul pavimento in sacchi a pelo.

coudenhove-kalergi

Associazioni di assistenza locali, tuttavia, hanno  riferito ai media che le forniture di cibo, vestiti e altri beni arrivano regolarmente e gli immigrati sono trattati molto bene. “Il camion arriva ogni mattina per la colazione, il pranzo e la cena,” ha detto un funzionario. “E ‘una scusa; vogliono andare via a Milano, Roma, a nord, e si lamentano di queste cose al fine di essere presi altrove “.

La struttura ospita attualmente 340 giovani, 140 dei quali appena arrivati con gli ultimi sbarchi al porto di Reggio, che dormono in un dormitorio improvvisato in una palestra nei pressi del centro di accoglienza.

prodi-tatcher

Secondo un membro della Prefettura di Reggio Calabria,  semplicemente non hanno più strutture per accogliere i nuovi arrivati, in particolare i minori non accompagnati, una situazione che ha definito “una vera e propria emergenza.”

 

fonte ( purtoppo bisogna leggere in inghilterra queste notizie,)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...